♿️📚 Reframe Learning: spazio anti-abilitante per un apprendimento incentrato sull'uomo

Ear readers, press play to listen to this page in the selected language.

Il posto a cui apparteniamo non esiste. Lo costruiremo. James Baldwin via Gayatri Sethi in Unbelonging

La necessità di uno spazio di apprendimento anti-abilitante per persone neurodivergenti e disabili è ora.

Creiamo uno spazio antiabilistico per un apprendimento basato sulla passione e incentrato sull'uomo compatibile con la neurodiversità e il modello sociale della disabilità. Creiamo spazio per coloro che sono più mal serviti dalla «pedagogia vuota, dal comportamentismo e dal rifiuto dell'equità». Creiamo percorsi di equità e accesso per i nostri studenti in modo che possano collaborare in team distribuiti, multietà e interdisciplinari con una gamma neurodiversificata di creativi che svolgono un lavoro che ha un impatto sulla comunità.

Creare percorsi verso l'equità e l'accesso per tutti i bambini rimane la grande sfida dell'istruzione pubblica in America. L'equità fornisce risorse in modo che gli educatori possano vedere tutti i punti di forza dei nostri figli. Access offre ai nostri bambini la possibilità di mostrarci chi sono e cosa possono fare. L'empatia ci permette di vedere i bambini come bambini, anche adolescenti che possono affrontare tutte le sfide che la povertà e altri fattori di rischio creano. L'inclusività crea una cultura della cura accogliente in modo che nessuno si senta fuori dalla comunità. Apprendimento senza tempo: come l'immaginazione, l'osservazione e il pensiero a base zero cambiano le scuole

Una classe incentrata sull'uomo è necessaria ora più che mai. In un periodo di crescente incertezza, sfide globali e crescenti minacce alla democrazia, i bambini hanno bisogno di spazio per interrogarsi, riflettere e concretizzare il senso della loro vita. Questi giovani, insieme ai loro educatori, costruiranno un nuovo futuro di amore, cura e rispetto per tutti.

Una guida all'educazione incentrata sull'uomo

Sommario La necessitàLa rispostaLa sensazione L'apprendimento ♿️ Il bisogno: lo spazio senza comportamentismo, segregazione o abilismo ➗ In uno spazio antiabilista, non c'è separazione tra «speciale». 🥢🥕 Nello spazio antiabilista, non c'è comportamentismo. Nello spazio antiabilista, non c'è «guadagnare il proprio gettone». 🧠 In anti-abilista spazio, siamo agenti attivi nella nostra esperienza incarnata. ❤️ La risposta: riformulazione, connessione rispettosa e presunzione di competenza

Abbiamo creato un sistema che consente a te stesso, o a tuo figlio, di sottoporsi ai pazienti per accedere al diritto di imparare in modo diverso. Il diritto a imparare in modo diverso dovrebbe essere un diritto umano universale che non è mediato da una diagnosi.Il dono: Disturbi dell'apprendimento riformulati

♿️ Il bisogno: spazio senza comportamentismo, segregazione o abilismo

Pertanto, l'eugenetica è una cancellazione dell'identità attraverso la forza, mentre il comportamentismo radicale è una cancellazione dell'identità attraverso la «correzione». Tutto ciò presuppone una cultura dominante che si cerca di mantenere indiscutibilmente. Pedagogia vuota, comportamentismo e rifiuto dell'equità

Gli studenti neurodivergenti e disabili hanno bisogno di uno spazio antiabilistico, e ne abbiamo bisogno ora.

➗ Nello spazio antiabilistico, non c'è separazione tra «speciale».

Sebbene la diversità umana, il modello sociale di disabilità e inclusione come concetti fondamentali dei diritti umani stiano prendendo piede, per gran parte della società la «storia speciale» è ancora questa:

Un bambino con «bisogni speciali» prende l' «autobus speciale» per ricevere «assistenza speciale» in una «scuola speciale» da «insegnanti di educazione speciale» per prepararlo a un futuro «speciale» vivendo in una «casa speciale» e lavorando in un «laboratorio speciale».

Ti sembra «speciale»?

La parola «speciale» è usata per addolcire la segregazione e l'esclusione sociale e il suo uso continuo nella nostra lingua, nei nostri sistemi educativi, nei media ecc. serve a mantenere quei concetti «speciali» sempre più antiquati che tracciano la strada verso una vita di esclusione e basse aspettative.

«Non è speciale, è mio fratello» — È ora di abbandonare la frase «bisogni speciali» - A partire da Julius

Il defunto Herb Lovett diceva che ci sono solo due problemi di «istruzione speciale» in America: non è speciale e sicuramente non lo è affatto l'istruzione. Il campo continua a essere marinato in ipotesi e pratiche comportamentiste nonostante il fatto che numerose risorse per insegnanti, terapisti e genitori offrano alternative al controllo del comportamento.

Autismo e comportamentismo - Alfie Kohn

Scopri la storia di «Special»

🥢🥕 Nello spazio antiabilistico, non c'è comportamentismo.

Ma ancora più convincente è la testimonianza dei giovani che comprendono la realtà di questo approccio meglio di chiunque altro perché ne sono stati i beneficiari. È a dir poco sbalorditivo apprendere quanto l'ABA sia ampiamente e intensamente odiato dagli adulti autistici che sono in grado di descrivere la loro esperienza con essa. Francamente, mi vergogno di sapere che, fino a circa un anno fa, ero completamente all'oscuro di tutti i siti web, gli articoli, i saggi accademici, i post dei blog, le pagine di Facebook e i gruppi di Twitter con le voci di uomini e donne autistici, tutti estremamente critici nei confronti dell'ABA ed eloquenti nel descrivere il trauma che è suo eredità primaria.

Com'è possibile che le loro voci non abbiano trasformato l'intera discussione? Supponiamo che abbiate partecipato all'implementazione di una strategia ampiamente utilizzata per affrontare il problema dei senzatetto, solo per scoprire che i critici più espliciti di quell'intervento erano i senzatetto. Questo non ti fermerebbe sulle tue tracce? Cosa direbbe di te se non fosse così? Eppure le obiezioni coerenti ed enfatiche delle persone autistiche non sembrano affatto preoccupare i praticanti dell'ABA. In effetti, un'analisi critica dell'etica in questo campo rileva che «gli autistici sono stati esclusi da tutti i comitati, i panel, i consigli di amministrazione, ecc., incaricati di sviluppare, dirigere e valutare i programmi di ricerca e trattamento dell'ABA».

Autismo e comportamentismo

Molte politiche e programmi limitano la nostra capacità di fare la cosa giusta da parte dei bambini. Ma forse la linea di forza virtuale più restrittiva che gli educatori devono affrontare è il comportamentismo, una teoria psicologica che ci farebbe concentrare esclusivamente su ciò che può essere visto e misurato, che ignora o respinge l'esperienza interiore e riduce i pezzi in parti. Suggerisce anche che tutto ciò che le persone fanno può essere spiegato come una ricerca di rinforzo e, implicitamente, che possiamo controllare gli altri premiandoli in modo selettivo.

Consentitemi, quindi, di proporre questa regola empirica: il valore di qualsiasi libro, articolo o presentazione destinato agli insegnanti (o ai genitori) è inversamente correlato al numero di volte in cui la parola «comportamento» appare in esso. Più la nostra attenzione è concentrata sulla superficie, più attenuiamo le motivazioni, i valori e le esigenze sottostanti degli studenti.

Sono passati decenni da quando la psicologia accademica ha preso sul serio il comportamentismo ortodosso di John B. Watson e B.F. Skinner, che ormai si è ridotto a un clan di «analisti comportamentali» simile a un culto. Ma, ahimè, la sua influenza riduzionista continua — nei programmi di gestione in classe (e a livello scolastico) come PBIS e Class Dojo, nei curricula programmati e nella riduzione dell'apprendimento dei bambini a «dati», nei voti e nelle rubriche, nella «competenza» - e negli approcci all'istruzione basati sulla «competenza», in modo standardizzato valutazioni, incentivi alla lettura e retribuzione di merito per gli insegnanti.

Non si tratta di comportamento - Alfie Kohn

Gli addestratori rifiutano il comportamentismo perché danneggia gli animali emotivamente e psicologicamente. Cosa dice questo delle aule che lo accolgono?

Pedagogia vuota, comportamentismo e rifiuto dell'equità

Non possiamo sostituire l'agenzia con una risposta a Stimuli.MMCP: Critical Digital Pedagogy; o, The Magic of Gears | Hybrid Pedagogy

Commetto gli errori giusti

E dico quello che intendo

Risparmiami dallo stampo

—Spare Me From The Mold di Gossip

La nostra non conformità non è destinata a essere ribelle. Semplicemente non rispettiamo le cose che ci danneggiano. Ma poiché un gran numero di cose che ci danneggiano non sono dannose per la maggior parte dei neurotipici, siamo visti come indomiti e bisognosi di raddrizzarli. Uno dei miei aneddoti preferiti della tesi di Asperger è quando chiede a un ragazzo autistico nella sua clinica se crede in Dio. «Non mi piace dire di non essere religioso», risponde il ragazzo, «semplicemente non ho alcuna prova di Dio». Questo aneddoto mostra un apprezzamento per la non conformità autistica, che Asperger e i suoi colleghi hanno ritenuto fosse parte dell'autismo dei loro pazienti tanto quanto le sfide che hanno dovuto affrontare. Asperger aveva persino anticipato negli anni '70 che gli adulti autistici che «apprezzavano la loro libertà» si sarebbero opposti all'addestramento comportamentista, e questo si è rivelato vero.GUIDA ALLA PERSONA PENSANTE ALL'AUTISMO: Su Hans Asperger, i nazisti e l'autismo: una conversazione attraverso le neurologie

Ulteriori informazioni sul comportamentismo

Nello spazio anti-ableist, non è possibile «guadagnare il token».

Quando ero piccola, ero autistica. E quando sei autistico, non è un abuso. È una terapia. Quiet Hands | Just Stimming...

Perché ho lasciato ABA | Socially Anxious Advocate

Ho abusato di bambini per vivere — Diario di una ragazza pazza di uccelli

Ho abusato di bambini e anche tu: Una risposta a un apologeta dell'ABA — Diario di una ragazza Birdmad

ABA è davvero un «addestramento di cani per bambini»? Un addestratore di cani professionista interviene» NeuroClastic

Sono un terapista dell'ABA, ho notato un sacco di... — neurowonderful

Mi dispiace, ma questo non significa guadagnare il tuo token

Lo scandalo «Cardgate» svela una diffusa mancanza di rispetto nei confronti delle persone autistiche | NOS Magazine

Il comportamento scorretto dei comportamentisti

Analisi comportamentale applicata — Riflessioni personali

Leggi cosa ha detto un adulto autistico il giorno in cui si è resa conto che la terapia che ha subito da bambina era in realtà ABA.

Sto osservando che il sistema educativo degli Stati Uniti non invoca sottilmente la punizione nella classe mainstream. Questo sembra essere guidato dal campo dell'analisi comportamentale applicata (ABA) .Definire il rinforzo e la punizione per gli educatori: perché non l'hanno ancora fatto?

Completa questa semplice operazione

Premi i pulsanti proprio come ti chiediamo

Questo passaggio è il primo e l'ultimo passo

Più e più volte e fallo velocemente

Sto guardando tutti, mi sento un sempliciotto

Perché non riesco a farlo? Voglio solo urlare e scappare

Non penso come te

Ma sono io quello che si chiama anormale

Questo costrutto

È stato costruito da piccoli tiranni

Sono già al livello? (Livello ancora)

Come ho fatto il tuo piccolo test?

Fai resettare il mio cervello (Reset)

Perché tutto ciò che dici è statico

Sono un buon animale domestico? (Buon animale domestico)

Obbedisci ai comandi o prendi il dorso della mano

Perché il mondo non è stato costruito per un cervello come il mio

Cambiare idea, cambiare idea, cambiare idea

Questo costrutto

È stato costruito e può essere smontato

Stiamo insieme

Pensiamo a parte

Stiamo insieme

Pensiamo a parte

— Neurodivergent di Rabbit Junk

La maggior parte delle presunte prove di queste teorie mancano di quella che viene chiamata «validità facciale», agli occhi di molte delle persone studiate, cioè non sembra affatto che stiano misurando ciò che dovrebbe misurare. Troppe ricerche sull'autismo sono state condotte senza input autistici, il che avrebbe potuto evitare che i dati venissero interpretati male, segnalati quando gli obiettivi degli studi non avevano alcuna relazione con il benessere autistico e prevenire gravi errori di omissione.

I fallimenti della scienza dell'autismo non sono casuali: riflettono squilibri sistematici di potere.

Autismo e scientismo

I problemi associati all'ABA sono molto profondi. È una violazione dei diritti umani continuare a ignorare e sottovalutare le voci delle persone autistiche su «terapie» profondamente traumatizzanti e dannose come ABA.Jorn Bettin

Gli effetti dei modelli basati sul comportamento sul neurosviluppo e sull'apprendimentoIl comportamentismo è un ripudio, un licenziamento quasi intenzionale, dell'esperienza soggettiva.— Alfie KohnQuesto è il cuore di un bambino in modalità lotta o fuga, costantemente, che viene bombardato da tutte queste istruzioni e suggerimenti.— Professoressa Elizabeth Torres

Il comportamentismo è un ripudio, un licenziamento quasi intenzionale, dell'esperienza soggettiva.

Alfie Kohn

Questo è il cuore di un bambino in modalità lotta o fuga, costantemente, che viene bombardato da tutte queste istruzioni e suggerimenti.

Professoressa Elizabeth Torres

Sebbene alcuni possano percepire l'ABA come mal interpretato (Morris, 2009), le argomentazioni derivano da esperienze di intervento e dall'impatto dell'intervento comportamentale forzato sui processi e sullo sviluppo della percezione di sé. Adattare il comportamento e l'identità autistici per soddisfare quelli dei colleghi tipicamente in via di sviluppo (TD) è al centro dell'opposizione ABA. In effetti, la ricerca attuale ha suggerito che l'ABA stia causando un grave livello di trauma dovuto alla partecipazione infantile (Kupferstein, 2018). Gli individui autistici continuano a sottolineare la sofferenza provata dall'incapacità dell'ABA di riconoscere la negatività inflitta attraverso una coercizione forzata (vedi, ad esempio, Kedar, 2011; «Le mie esperienze con ABA», 2017). Tale conclusione solleva ulteriori dubbi sia sull'efficacia dell'intervento precoce sia sulle implicazioni e sull'impatto a lungo termine sui partecipanti. Mentre gli argomenti rivolti a coloro che si oppongono ai metodi e agli approcci di rivendicazione dell'ABA sono cambiati («The Controversy Around ABA», 2019), l'opposizione all'ABA «attuale» rispecchia gli atteggiamenti autistici nei confronti dell'intervento (Klein, 2002) e delle «cure» (Harmon, 2004) di quasi due decenni fa. Tante persone che si fanno avanti e indicano i danni che i bambini autistici hanno subito per migliorare per la prossima generazione sono indicativi di una disparità. Tuttavia, con molti ignorati o licenziati come «radicali», «troppo autistici» o «non abbastanza autistici» per parlare a nome della propria comunità, il ponte tra il mondo accademico e la comunità è ulteriormente fratturato. Per iniziare a ricostruire questi ponti, cerchiamo di lavorare insieme alle riflessioni autistiche dell'ABA per portare la voce in costrutti empirici. Tradurre la voce in una comprensione accademica dell'ABA nei termini riflessi dalla comunità autistica affronta una lacuna di vitale importanza irrisolta nelle attuali conoscenze di ricerca.

«Ricordare i danni nascosti»: esperienze autistiche di analisi comportamentale applicata nell'infanzia (ABA)

Nonostante decenni di utilizzo come metodo principale per questa popolazione in tutto il mondo, l'ABA non ha mai dimostrato di essere nemmeno leggermente efficace per la popolazione autistica non verbale.

La ricerca utilizzata nella risposta non riguarda la popolazione discussa, non presenta alcuna ricerca neuroscientifica e non affronta la motivazione intrinseca, i livelli elevati di ansia o vari altri problemi pertinenti associati alla popolazione autistica non verbale.

La ricerca sull'ABA continua a trascurare la struttura del cervello autistico, la sovrastimolazione del cervello autistico, la traiettoria dello sviluppo infantile o la natura complessa della psicologia umana, poiché tutti questi fattori sono stati ignorati nella risposta e vengono ignorati nella pratica stessa dell'ABA. Fornire un trattamento che provochi dolore in cambio di nessun beneficio, anche se inconsapevolmente, equivale a tortura e viola il requisito fondamentale di qualsiasi terapia: non nuocere. Infine, non si discute nemmeno nella risposta sulla motivazione interna e su come le condizioni create dall'ABA favoriscano il malessere psicologico. Se i paraprofessionisti e i professionisti si rifiutano di dedicarsi al pensiero critico, si rifiutano di diventare esperti in ciò che trattano, continuano a praticare al di fuori dell'ambito e continuano a ignorare la ricerca pertinente, il futuro dell'autismo e di altre condizioni che ABA dichiara di trattare è molto desolante.

La terapia ABA a lungo termine è abusiva: una risposta a Gorycki, Ruppel e Zane | SpringerLink

Nel frattempo, gli adulti autistici che ho visto che ricevevano l'ABA, così come diverse famiglie che ho incontrato nella comunità, i cui figli adulti autistici avevano partecipato a programmi ABA, se la cavavano solo marginalmente meglio e presentavano uno o più problemi di ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo, insonnia e post-traumatico Sindrome da stress.

Tuttavia, con così tanti resoconti personali indipendenti di individui e famiglie autistici, nonché un nuovo movimento scientifico, qualsiasi osservatore ragionevole non può negare con sicurezza che l'ABA stia influendo negativamente sulla popolazione autistica.

Nel 2019, un neuropsicologo ha pubblicato un articolo coautore con un genitore e un fornitore di servizi citando una ricerca che mostra l'inidoneità dell'ABA per gli individui autistici, l'attuale mancanza di test scientifici sugli effetti dell'ABA sulle persone autistiche «a basso funzionamento» e non verbali ed evidenziando il fattori di un uso esteso, compresa la potenziale dimensione attuale del mercato di 17 miliardi di dollari all'anno.

Quindi, molte famiglie non si rendono conto che stanno sottoponendo i propri cari a un programma costoso e traumatico perché ritengono che questa sia la migliore assistenza possibile e i risultati che sperano siano i più vicini a una normalità idealizzata.

La comunità autistica sta facendo i conti con la terapia ABA. Dovremmo ascoltare | Fortune

Il monopolio dell'ABA è mantenuto dalla mancanza da parte della comunità scientifica di ricerca e di investimenti in tecniche alternative che considerino l'autismo sia un'esperienza cognitiva che esistenziale piuttosto che solo comportamentale, un approccio che gli autistici adulti che hanno subito l'ABA hanno descritto come una violazione del principi fondamentali della bioetica, nonché la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

La comunità autistica sta facendo i conti con la terapia ABA. Dovremmo ascoltare | Fortune

Fino a quando l'ABA non aggiorna i suoi metodi scientifici, le sue funzioni comportamentali e non incorpora la psicologia moderna, tra cui neurologia, sviluppo infantile, psicologia dell'educazione e altre ricerche vitali, non può essere considerato un campo sicuro, efficace o etico. Il comportamentismo è morto. Come lo diciamo ai genitori (autistici)? » Neuroclastico

Ma non ho bisogno di una cura per me

Non ne ho bisogno

No, non ho bisogno di una cura per me

Non ne ho bisogno

No, non ho bisogno di una cura per me

Non ne ho bisogno

Non ne ho bisogno

Per favore, nessuna cura per me

Per favore, nessuna cura per me

—Cure for Me di AURORA

La neurodiversità può essere tanto cruciale per la razza umana quanto la biodiversità lo è per la vita in generale.

Scopri di più su ABA

Scopri di più sulla neurodiversità e il genere

Scopri di più sulla neurodiversità a scuola

🧠 Nello spazio antiabilistico, siamo agenti attivi nella nostra esperienza incarnata.

Il luogo della patologia non esiste nella persona autistica, ma nell'interazione tra un ambiente ostile e l'autistico soggiogato. È essenziale che i genitori, i professionisti, gli educatori e le persone autistiche si pongano la domanda cruciale: l'autistico è una macchina o un organismo? Siamo agenti attivi nella nostra esperienza incarnata o siamo un luogo di comportamento? Non è con la sfida, ma con l'autonomia, che dichiaro come persona autistica: non sono una manifestazione di stimoli e risposte. Sono un agente. Sono autonomamente autistico. Nonostante i progressi retorici del campo degli studi sulla disabilità verso nuovi modelli di disabilità, la soggettività autistica è ancora bloccata nelle patologie mediche e nelle ipotesi di deficit. La teoria dell'autodeterminazione fornisce un contrasto intrigante con altri quadri psicologici, rendendo possibile la riconcettualizzazione e la rilocalizzazione del deficit. Possiamo quindi sconvolgere le nostre ipotesi e formare nuovi principi che consentono alle persone autistiche di svilupparsi in modi autonomi, competenti, connessi e autodiretti. La teoria dell'autodeterminazione si posiziona come direttamente e senza scuse antitetica al comportamentismo, un fatto che si manifesta in letteratura ripetutamente nel commento comportamentista... Autonomamente autistico | Canadian Journal of Disability Studies

Calpesta emarginata

Emarginati, fate calpestare gli emarginati

I mostri stanno arrivando

I mostri stanno arrivando

—Outcast Stomp di G.L.O.S.S

Leggete come supportiamo gli agenti attivi nel nostro Learning Center

❤️ La risposta: riformulazione, connessione rispettosa e presunzione di competenza

Quando tuo figlio viene definito autistico, quasi tutti i consigli professionali che ricevi dall'istruzione e dall'assistenza sanitaria sono intrisi di ideologia del deficit.

Il messaggio per i genitori del bambino neurodiverso è che il loro bambino è carente e che il loro lavoro è curarlo. Siamo in una sorta di complesso industriale di bonifica, dove sono disponibili tutti i tipi di servizi e trattamenti e interventi per far sì che il piolo quadrato si adatti al foro rotondo. Ai genitori viene detto senza sosta che questo è il loro lavoro.

La normalità fa schifo: l'autore Jonathan Mooney spiega come le scuole falliscono i bambini con differenze

Invece del comportamentismo, della segregazione e delle terapie radicate nell'abilismo, pratichiamo una connessione rispettosa.

Continua

Navigating Stimpunks

Need financial aid to pay for bills or medical equipment? Visit our guide to requesting aid.

 

Need funds for your art, advocacy, or research? Visit our guide to requesting creator grants.

 

Want to volunteer? Visit our guide to volunteering.

 

Need a table of contents and a guide to our information rich website? Visit our map.